Last.fm: the money music revolution!

Posted on Mon 11 May 2009 in Recensione • Tagged with community, last.fm, music, radio, streaming

lastfm

Non c'è alcun errore nel titolo di questo post. Sebbene lo slogan originale di Last.fm fosse "The Social Music Revolution", ho voluto modificarlo in questo modo, per sottolineare il recente cambiamento di rotta di un servizio che fino a pochi giorni fa ritenevo uno dei migliori, se non il migliore, del suo genere.

Facciamo un passo indietro per spiegare cos'è Last.fm. Si tratta di un servizio che permette, una volta registrati, di condividere le canzoni che ascoltiamo (titolo e autore, non il file audio) in modo che si possa essere messi in contatto con altre persone che ascoltano i nostri gruppi preferiti oppure di ricevere suggerimenti su gruppi simili a quelli che ascoltiamo. Grazie a questa funzione ho avuto la possibilità di conoscere ed apprezzare gruppi musicali di cui prima ignoravo l'esistenza.

Oltre a permettere lo scrobbling (invio del titolo della canzone) e la creazione automatica di classifiche, il sito mette a disposizione moltissimi strumenti che hanno permesso la creazione di una vasta community musicale. La community, grazie a questi strumenti, ha arricchito il sito web di moltissimi dati importanti: un wiki con i dati dei gruppi musicali, i tag su ogni canzone, gruppi di discussione e la creazione di eventi e ritrovi. Last.fm è anche una "radio", ma in un modo un po' diverso rispetto a quello a cui siamo abituati.

Non esistono playlist valide per tutti gli utenti, ogni utente ha la propria playlist, in base ai brani ascoltati, ai gruppi simili ed ai suggerimenti degli amici. Oltre alle proprie playlista è inoltre possibile ascoltare quelle dei "vicini", degli amici e dei gruppi ai quali siamo iscritti. Se oggi Last.Fm è diventata quello che tutti vediamo, è in gran parte grazie al lavoro svolto dalla community musicale.

Che cosa è successo per portarmi alla decisione di eliminare il mio account, vecchio di 3 anni, con piu' di 30.000 brani ascoltati?

Circa un mese fa i vertici di Last.fm hanno deciso che entro poco tempo il servizio di radio in streaming sarebbee diventato a pagamento, a causa dell'aumento dei costi di licenza imposti dalle major. Per continuare ad ascoltare la radio si dovranno pagare 3€ al mese. Quello che ha scatenato l'ira di moltissimi utenti e che mi ha fatto prendere la decisione di disiscrivermi, è il fatto che USA, Inghilterra e Germania potranno continuare ad usufruire gratuitamente del servizio. Questa divisione in paesi di serie A e paesi di serie B non è piaciuta proprio a nessuno, basta guardare le centinaia di commenti che sono arrivati sul blog ufficiale di Last.fm.

Io mi associo al pensiero comune: se anche USA, Inghilterra e Germania pagassero, il costo potrebbe scendere a 1 o 2 euro al mese ed inoltre non ci sarebbero divisioni e/o discriminazioni a seconda del paese di provenienza. Avrei pagato volentier anche 3€/mese se non ci fossero state queste differenze. Perchè gli altri paesi devono pagare pochi privilegiati?

A mio parere Last.fm ha commesso un gravissimo errore facendo questa mossa e sono convinto che entro breve perderà moltissimi utenti smettendo inoltre di essere una community ricca di contenuti creati dagli utenti stessi. Staremo a vedere se ci saranno inversioni di rotta o se continueranno a seguire questa strada.


Come ascoltare Radio Deejay su Ubuntu Linux con Rhythmbox

Posted on Wed 07 May 2008 in Linux, Ubuntu (IT) • Tagged with ascoltare, deejay, Linux, radio, rhythmbox, Ubuntu (EN)

RadioDeejay

Quante volte vi è capitato di voler ascoltare dal vostro PC la vostra radio preferita e magari il plugin incorporato nel browser non funzionava correttamente? Nel caso di Radio Deejay mi è capitato molto spesso, a seconda della versione di Firefox che stavo usando o a seconda della distribuzione.

E' possibile ascoltare le radio che trasmettono in streaming anche senza utilizzare il browser. Per fare questo è necessario un programma che riesce a leggere gli streaming audio/video e nel mio caso ho utilizzato Rhythmbox.

Bisogna aprire il programma ed andare su Radio e cliccare su "New Internet Radio Station" ed inserire il seguente URL: http://live.mediaserver.kataweb.it/radiodeejay

A questo punto sarà possibile ascoltare la nostra radio preferita senza bisogno di utilizzare il browser.

Nota: queste istruzioni potrebbero funzionare benissimo anche nel caso di altre radio e con altre versioni di Ubuntu. Nel mio caso l'ho testato con Ubuntu Linux 8.04