ebook: valgono la pena rispetto ai libri cartacei? L’esempio Amazon Kindle

In questo periodo diversi conoscenti mi stanno facendo domande su come siano gli ebook e se valga la pena farne uso rispetto ai normali libri cartacei. Recentemente ho avuto modo di acquistare il lettore Kindle di Amazon e devo ammettere di essere rimasto molto soddisfatto. Ho cercato di raccogliere le principali domande che mi sono state fatte al riguardo, sperando di fornire una panoramica completa sui libri in formato elettronico e sui relativi lettori.

Non è scomodo leggere sul Kindke? Assolutamente no. Non dovete immaginare il Kindle come un tablet (anzi, chi cerca un qualcosa che funzioni anche come tablet ha proprio sbagliato prodotto. Kindle è fatto per leggere libri.), lo schermo infatti non è un normale LCD come quelli dei tablet o dei portatili, ma una speciale superficie dove le parole vengono disegnate tramite l’e-ink. Lo schermo del Kindle non è retroilluminato e per leggere, così come per un libro normale, c’è bisogno o della luce del sole o di stare vicino ad una lampada. Gli occhi quindi non si stancano ed è possibile andare avanti a leggere per ore, senza notare differenze rispetto alla lettura di un libro normale.

Quanto costano i libri in formato elettronico? Di solito il costo è di 3-4€ in meno rispetto alla versione cartacea. Potrebbero costare molto meno se la legge italiana (ancora una volta cieca di fronte alle innovazioni) non equiparasse gli ebook a dei prodotti elettronici. L’IVA sugli ebook è infatti del 21% e non viene assolta come per i libri cartacei. Va detto anche che moltissimi libri, per i quali sono ormai scaduti i diritti di autore, sono disponibili gratuitamente. Volete leggere La Divina Commedia, Pirandello, I Promessi Sposi ecc…?! Benissimo. Questi e molti altri libri sono scaricabili gratuitamente. Kindle al momento offre “soltanto” 16.000 titoli in italiano, ma è ovviamente possibile accedere anche a tutti gli altri titoli disponibili in lingua straniera, per un totale di quasi un milione di libri a disposizione.

Quali sono i vantaggi per chi scrive? Gli scrittori, grazie agli ebook, hanno un modo ancora piu’ facile e redditizio per pubblicare i propri libri. Attualmente, se uno scrittore vuole pubblicare un libro, deve trovare un editore che lo reputi interessante e decida di investire per pubblicarlo. Visto che l’editore di assume un rischio molto alto, la maggior parte del compenso va a lui. Con Amazon invece è possibile pubblicare un proprio libro in modo economico e veloce. Non c’è necessità di stampare migliaia di copie di un libro, così come avviene per il cartaceo. I compensi inoltre sono molto alti: il 70% del ricavato va a chi scrive il libro, non all’editore. Su un libro da 10€ quindi, all’autore rimangono 7€.

Riassumiamo i vantaggi degli ebook

  • economici (costano 3-4€ in meno, molti sono persino gratuiti)
  • ecologici (non c’è bisogno di stampare migliaia di copie)
  • maggiori introiti per chi scrive i libri
  • un e-reader è leggero, può contenere oltre 1000 libri, ottima autonomia con batterie che durano 1 mese
  • comodità di poter acquistare un libro direttamente da casa ed averlo in pochi minuti
  • nessun pericolo di acquistare un libro che non ci piace: con Kindle è possibile avere una copia dei primi capitoli del libro, senza spendere niente, in modo da valutare se il libro valga veramente la pena di essere letto

Se posso aggiungere un vantaggio, del tutto soggettivo, ma che personalmente è il piu’ importante: gli ebook mi hanno fatto tornare anche la voglia di leggere!