Maemo Summit (Berlino) - giorno 1

Come da programma, sono arrivato a Berlino alle 16:30 circa e dopo aver raggiunto l'Hotel dove alloggio, ho cercato per prima cosa una connessione wireless da poter utilizzare in camera.

L'Hotel dove mi trovo mette a disposizione una wireless a pagamento, alla "modica" cifra di 9 euro al giorno! Controllando bene ho visto che era disponibile anche un access point della T-Mobile (sempre a pagamento) che offriva una connessione senza limiti per 30 giorni a 29€. Pur dovendo rimanere soltanto 5 giorni ho optato per questa soluzione. Una piccola nota per chi si trovasse a volerla utilizzare: la velocità di upload è quella di una normale ADSL, ed il tempo di ping è attorno agli 80ms, la velocità di download però è bassissima, con solo 300 kbps, sufficienti appena per utilizzare Skype e navigare.

Una volta connesso mi sono messo in contatto con i miei colleghi del summit, in particolare con i due italiani che alloggiano nel mio stesso hotel. Dopo essermi ambientato, mi sono subito aggiornato sulle novità che riguardano Maemo, che erano state annunciate in questi giorni all'Osim:

  • un nuovo device che verrà fornito con un processore piu' potente di quello attuale, ovvero un OMAP3
  • supporto HSPA di serie
  • una videocamera di qualità migliore
  • piu' spazio di archiviazione sul dispositivo
  • rilascio di Maemo 5

Quello che ancora non è stato detto è se Maemo 5 sara' compatibile con gli attuali dispositivi N800/N810: Maemo 5 avra' il supporto per OpenGL che attualmente i dispositivi non hanno. Si pensa quindi che possa essere rilasciata una particolare versione del sistema, senza effetti grafici OpenGL, proprio per mantenere la compatibilità con questi dispositivi. In caso contrario gli utenti saranno costretti ad acquistare un nuovo dispositivo per poter godere delle nuove feature di Maemo 5.

All'ora di cena ho avuto modo finalmente di conoscere Daniele Maio, uno degli italiani presenti al summit. Devo dire che Berlino (e sopratutto la zona di Alexander Platz) ci ha abbastanza disorientati! Non è stato così facile come credevamo trovare un posto tipico dove poter cenare. Per la strada si incontravano diversi McDonald, Burger King, Doner Kebab ecc... ma pochissimi pub tipici.

Finalmente la nostra fatica è stata ampiamente ripagata e ci siamo sistemati in una birreria dove abbiamo ordinato, oltre a due birre grandi, un ottimo stinco di maiale con crauti, patate, cetriolo e senape (che potete ammirare nella foto).{.alignright width="240" height="178"}

Finita la cena siamo subito rientrati, visto che la mattina dopo alle ore 9:00 si sarebbero aperte le porte del C-base per le conferenze in programma.

Comments !

social