Viaggiate negli USA? Possono sequestrarvi il PC, senza motivo

Secondo una denuncia fatta dal Washington Post e ripresa poi anche da un quotidiano italiano, la situazione privacy per chi viaggia negli Stati Uniti sta diventando sempre piu' critica.

Un documento inviato a tutti i principali agenti di controllo (aeroporti, porti, frontiere ecc...) contenente una policy di comportamento per quanto riguarda i controlli da fare a chi entra negli Stati Uniti, spiega che qualsiasi tipo di apparecchio elettronico puo' essere sequestrato ed esaminato senza che esista alcun sospetto particolare o ci sia una ragione precisa per farlo.

La policy prevede che possano essere sequestrati PC, notebook, cellulari, iPod, dischi USB e tutti quei dispositivi in grado di memorizzare informazioni, indistintamente a tutti i cittadini che entrano negli USA, senza che vi sia una ragione particolare.

I dati acquisiti possono essere esaminati sul posto oppure trattenuti per essere verificati in altra sede. La policy purtroppo non dice nulla riguardo a cosa si debba fare dei dati sensibili delle persone (dati sanitari, finanziari ecc...).

Vale davvero la pena andare a spendere i propri soldi in un paese che, con la scusa della sicurezza e della lotta al terrorismo, ficca il naso negli affari di tutti, facendo vivere le persone in un continuo stato di allerta e di terrore, piu' di quanto non facciano i veri terroristi?

Capisco che in questo modo ci sia anche la possibilità di beccare veramente qualche malintenzionato, ed in questo caso non ci sarebbe niente di male, ma a che costo viene fatto tutto questo?

Comments !

social