Il costo di un computer senza Windows Vista

WindowsVistaAndLinuxNavigando sul sito web di una nota catena di negozi di hardware/software italiana, mi sono imbattuto in un’offerta davvero interessante. Vengono proposti due PC apparentemente “diversi”, ma dalle caratteristiche del tutto simili.

Il primo PC costa 399 euro e viene venduto con la seguente configurazione hardware:

  • Case    RAY Midi Tower Black/Aluminium con alimentatore da 500W
  • Scheda Madre    ASUS M2N-MX SE AM2 nForce6100 VGA 2SATA Raid PCI-E
  • Processore    AMD Athlon64 X2 5000+ (Socket AM2) + ventola
  • RAM    2 GB DDR2 667MHz (PC5300)
  • Hard Disk Drive    320 GB SATA2 8MB
  • Scheda Video    NVIDIA GeForce 6100 GPU integrata nel chipset
  • Scheda Audio    integrata
  • Unità ottica    DVD±RW DualLayer black

Il secondo PC invece, viene venduto a 339 euro, con le seguenti caratteristiche:

  • Case    [email protected] Midi Tower ATX Black con alimentatore da 500W
  • Scheda Madre    ASUS M2N-MX SE+ AM2+ nForce6100 VGA 2SATARaidPCI-E
  • Processore    AMD Athlon64 X2 5000+ (Socket AM2) + ventola
  • RAM    2GB (1.024 MB x 2) DDR2 667MHz (PC5300)
  • Hard Disk Drive    320GB SATA2 8MB
  • Scheda Video    nForce6100 integrata su M/B
  • Scheda Audio    integrata su M/B
  • Unità ottica    LG H54/5/8N 18X DVD±RW DualLayer black

Cos’è che vale 60 euro di differenza? La risposta è molto semplice: il primo PC viene venduto con Windows Vista Home Basic preinstallato, mentre il secondo viene venduto con Kubuntu Linux. Questo per chi crede ancora (purtroppo me lo senti dire spesso “ma.. Windows è gratis… io l’ho trovato insieme al computer!” ) che Windows sia gratuito quando lo si trova pre-installato in un nuovo computer.

N.b: non ho voluto citare il nome della catena di computer che ha questi due PC a listino, visto che nessuno mi ha pagato per scrivere questo articolo 😉 Al limite posso dirvelo in privato, ma credo che anche altri venditori abbiano ormai offerte simili a questa.

Conferenza OLPC a Firenze con Nicholas Negroponte: la recensione

conferenza_olpc_1Venerdi 7 marzo 2008 si è svolta a Firenze, a Palazzo Vecchio, la prima presentazione ufficiale in Italia dell’OLPC, che ha visto la presenza del fondatore stesso del progetto, Nicholas Negroponte.

La conferenza è durata circa 2 ore ed è iniziata con un intervento dell’Assessore alle Politiche Sociali, Lucia De Siervo, che ha manifestato l’impegno da parte del Comune di Firenze di aderire al progetto G1G1 di OLPC.

G1G1 (Give one get one) prevede che con ogni acquisto di un OLPC che viene fatto in una scuola, ne venga acquistato un secondo da donare ad un’altra scuola di quelle nel terzo mondo. Il costo di ogni OLPC è attualmente di 128 euro ciascuno (al prezzo bisogna aggiungere l’IVA e le spese di spedizione), anche se la cifra potra’ subire lievi variazioni a causa del cambio euro/dollaro.

L’intervento di Nicholas Negroponte non è durato moltissimo purtroppo, perchè sarebbe dovuto tornare entro il pomeriggio negli Stati uniti. A sentire le sue parole, dobbiamo sentirci onorati. Siamo la prima città, non solo in Italia, ma anche nel resto del mondo, che ha aderito al progetto OLPC a livello di pubblica amministrazione.

L’accordo infatti prevede che l’amministrazione comunale di Firenze acquisti qualche centinaio di OLPC da distribuire in alcune scuole. Di questo progetto si occuperà direttamente OLPC Italia.

OLPC Italia è un’iniziativa che è nata per volontà dell’Assessorato allInformatica del Comune di Firenze e prevede la creazione di un centro competenza che faciliti l’accesso dei piu’ piccoli, di qualunque paese, all’utilizzo di strumenti informatici e di altre tecnologie dell’informazione.

Gli obbiettivi di OLPC Italia sono i seguenti:

  • dare un sostegno all’iniziativa globale OLPC “Give 1 Get 1” di Nicholas Negroponte
  • proporsi come unico tramite locale tra la realtà nazionale, i paesi in via di sviluppo ed il mondo delle tecnologie dell’informatica e della comunicazione
  • offrire un supporto tecnico completo all’utilizzo dell’OLPC grazie al Centro di Competenza e di sviluppare utility ed altro software per il laptop stesso.

La conferenza si è conclusa con una dimostrazione pratica del funzionamento degli OLPC e molti bambini di una scuola elementare che aveva partecipato all’evento, hanno potuto provare ad usare direttamente i laptop, senza il bisogno che qualche adulto dovesse spiegare loro il funzionamento.

Maps for Nokia OS2008

I report this news from Andrew Jorgensen (Monologue):

The Map application for Nokia’s OS2008 (for N800 and N810) lets you download map data for a number of regions. The USA-West and USA-East regions are very large, though, and I have never been able to download them — it always fails about half way through. I know others have dealt with the same problem.

This morning I got a reply from Wayfinder Customer Support:

Dear Sir,
Thank you for contacting Wayfinder.

If the map download fails through the Internet Tablet, you can download the maps from this address: http://www.navicoretech.com/Consumer/Support/Downloads/tablet/en_GB/wfnavigator/

Best regards,
Annette
Customer Support
Wayfinder

Instructions for installing the map data are on that site. It’s still a slow download but at least you can use a download manager.